Terrore a 4 zampe: il governo inglese bandisce i cani mortali!

Terrore a 4 zampe: il governo inglese bandisce i cani mortali!
Cani

Il governo britannico ha preso una decisa e coraggiosa decisione per fronteggiare una minaccia crescente e mortale: gli American Bully, una variante americana dei pitbull. Questi cani aggressivi hanno seminato terrore nel cuore dell’Inghilterra e del Galles, attaccando esseri umani e animali domestici, provocando tragedie indescrivibili. Ma finalmente il governo ha annunciato una legge senza precedenti per mettere al bando questi cani e proteggere la sicurezza pubblica.

Da domani, inizia l’incubo per i proprietari di American Bully. Devono registrarli entro un periodo di tempo prestabilito, altrimenti saranno costretti a prendere una decisione angosciante: sopprimerli. Il governo non ha esitato a prendere questa misura estrema per garantire che tutti i cani di questa razza siano sotto il controllo delle autorità e che i proprietari siano pienamente consapevoli delle loro responsabilità.

Finora, sono stati registrati circa 30.000 American Bully, ma si pensa che il loro numero reale sia molto più alto. Questo dato preoccupante ha spinto il governo britannico a intervenire con fermezza per affrontare il problema in modo radicale. La decisione di vietare la vendita, l’allevamento, l’abbandono o il regalo di questi animali si basa sulle prove del loro coinvolgimento “in modo sproporzionato” negli attacchi recenti.

Per i proprietari che possono ancora tenere i loro American Bully, ci sono restrizioni severe. Questi cani devono essere castrati per evitare una riproduzione incontrollata e devono essere tenuti al guinzaglio e con la museruola quando si trovano in luoghi pubblici. Queste misure mirano a garantire che questi cani siano sotto un rigoroso controllo, riducendo così il rischio di improvvisi attacchi.

Questa mossa è stata scatenata dall’ultimo attacco mortale avvenuto lo scorso settembre, quando un uomo è stato attaccato da uno di questi cani. Ancora più tragico è il fatto che molte volte le vittime di questi attacchi siano stati bambini. Un caso straziante è quello di Jack Lis, un bambino di 10 anni, morto nel 2021 a causa delle gravi ferite al collo e alla testa inflitte da un pitbull in Galles. La madre di Jack, Emma Whitfield, ha combattuto pubblicamente per vietare gli American Bully, una battaglia appassionata che finalmente ha ottenuto risultati tangibili.

Questa nuova legge rappresenta un tentativo deciso di porre fine alla minaccia rappresentata dagli American Bully e di prevenire ulteriori tragedie. Tuttavia, rimane aperta la questione della sua efficacia nel fronteggiare il problema alla radice e garantire la sicurezza della popolazione. Solo il tempo potrà dire se queste misure saranno sufficienti a contenere questa emergenza in crescita. Nel frattempo, il Regno Unito rimane in stato di allerta, cercando di preservare la sicurezza di chiunque possa essere a rischio a causa di questi cani aggressivi.